lunedì 10 marzo 2014

I Ching - Paragrafo 10 > Il Desiderio, il Nobile, la Dipendenza Emotiva

L'essere umano tende a creare comportamenti ripetitivi in modo automatico.

Si alza tutti i giorni alla stessa ora, compie lo stesso tragitto tutti i giorni, fa lo stesso lavoro per anni, pensa le stesse cose, frequenta le stesse persone, si interessa alle stesse cose, racconta gli stessi aneddoti e normalmente le sue azioni quotidiane anche minime seguono uno schema preciso.

La sicurezza degli oggetti, così come la routine, scandisce lo scorrere del tempo e ad esse vengono associate le qualità e le basi della stabilità interiore.

E' anche vero però che la linea netta che separa la ripetizione di un comportamento, l'abitudine (clicca sul link per approfondire), e l'assefuazione a un comportamento, una vera e propria dipendenza quindi, è in realtà un confine assai labile.

La dipendenza (clicca sul link per approfondire) è data dalla sensazione provocata da una scarica chimica, che attraversa il corpo tramite una serie di ghiandole endocrine e il liquido spinale. Proprio a causa di questa reazione chimica può diventare veramente difficile sottrarsene, le scariche infatti si possono provocare in molti modi. Azioni minuscole ripetute continuamente (come il mangiarsi le unghie per esempio) sono potenti quanto la dipendenza dal movimento fisico (clicca sul link per il video).

La farmacia più sofisticata che esiste al mondo è l'ipotalamo, una delle ghiandole del nostro cervello (clicca sul link per approfondire). Qui vengono composte le sostanze chimiche corrispondenti alle emozioni che proviamo. Brevi catene di aminoacidi che vengono assemblate fra loro in modo da  corrispondere esattamente agli stati emotivi che viviamo. Queste sostanze vengono liberate nel flusso sanguigno attraverso l'ipofisi ogni volta che proviamo un'emozione. Produciamo sostanze chimiche per la rabbia, la stanchezza, la vittimizzazione, la lussuria, l'innamoramento, la paura, la gioia, l'allegria, il pianto, l'eccitazione, etc. Il nostro cervello insomma produce una sostanza chimica su misura per ogni stato d'animo che proviamo.

Fondamentalmente una dipendenza è una situazione in cui vengono soddisfatti i desideri bio-chimici del nostro corpo in tempi brevi, ma quando una dipendenza è a lunga memoria (cioè perpetrata per lunghi periodi) il corpo innesca il desiderio in un'escalation sempre più breve.

Maggiore è la soddisfazione della richiesta, maggiore la dipendenza.

Pensiamo ad esempio ai sentimenti d'amore. Tutti noi conosciamo il sapore doloroso delle separazioni, o quello di un amore non corrisposto, e per periodi più o meno lunghi abbiamo dovuto fare i conti con quella che, in definitiva, è una vera e propria crisi d'astinenza.

La separazione, o la non corresponsione del sentimento, scatena in chi li subisce l'assenza delle catene di aminoacidi che invece proliferavano durante la relazione amorosa, o l'illusione della sua realizzazione.

Traslato ad altre abitudini accade la stessa cosa se una persona è abituata ad avere pensieri negativi su se stessa o il mondo per molto tempo.

Se una persona è giù di morale è facile che inizi a compiangersi, o peggio ad abbassare la propria auto-stima e possibilità di reazione, infliggendosi pesanti auto-accuse demotivanti.

Questo modo di fare non solo è negativo a livello psicologico, ma essendo noi esseri umani un sistema complesso ed integrato fra corpo e psiche, la lunga esposizione ad emozioni negative che compongono specifiche catene di aminoacidi, crea dipendenza dallo stato depressivo stesso per ottenere la soddisfazione dalla necessità chimica innescata dall'abitudine e, per sovrammercato, mina il sistema fisiologico dell'equilibrio corporeo.

Assuefarsi a schemi neuronali (clicca sul link per approfondire) è quindi come essere alcolizzati o tossicomani. Semplicemente non è un agente esterno a scatenare la dipendenza. Siamo noi stessi (cfr. 48.1).

Primavera

Il modo migliore per evitare dipendenze emotive negative, e/o combatterle, è diventare dipendenti da emozioni positive.

Il metodo perfetto per tornare a ridere e sorridere, è esattamente ricominciare a farlo.



Lentamente il cervello ricorderà le catene di aminoacidi che corrispondono allo stato d'animo delle azioni gioiose e piano piano, mentre il processo di sostituzione da una dipendenza all'altra si perfeziona, ne produrrà sempre più.

Una volta avviato il nuovo processo è però necessario procedere con moderazione (cfr. 15).

Ovviamente, anche diventando dipendenti da stati emotivi positivi, è necessario porre attenzione agli eccessi causati dalla sovraeccitazione psicologica (euforia immotivata; senso di potere e grandezza etc. - cfr. 37.3).

Per questo motivo il Nobile (clicca sul link per maggiori informazioni) applica il Wu-Wei (clicca sul link), la Quiete (cfr. 52) della Modestia (cfr. 15).


Post d'approfondimento consigliati: Oriente e Occidente - Etica e Morale; Abitudini; Realtà; Dipendenza Emotiva; Come si Diventa Ignobile; Addiction; (clicca sui link per accedere).
 

Libro consigliato: Il Terminale Uomo - Michael Crichton, 1972 Mondadori 


Vi ricordiamo che nella barra superiore di navigazione nella sezione “Chi Siamo”  (clicca sul link per approfondire) trovate le indicazioni utili per usufruire del blog;  nella sezione “Articoli I Ching” (clicca sul link per approfondire) i temi culturali e tecnici legati alla disciplina di Yi; nella sezione “Incontri con I Ching” (clicca sul link per approfondire) le indicazioni sugli interventi culturali pubblici e i gruppi di lavoro; nella sezione “Biblioteca” (clicca sul link per approfondire) i percorsi di lettura e cinematografia consigliati. Nella colonna alla vostra destra trovate tutti gli esagrammi e le linee discusse, elencati in ordine numerico, e la sezione Tecnica (clicca sul link per approfondire). Buona ricerca! :) COME UTILIZZARE IL BLOG CLICCA QUI  -  GOOGLE + CLICCA QUI

5 commenti:

  1. Ciao blog,

    come mi devo muovere all'interno della mia vita per attirare a me situazioni positive l'iching mi risponde con l'esagramma 30,con due linee che mutano la II e la V .
    Mi sembra un buon responso.Non colgo bene il significato della V linea.
    Potete,per favore,aiutarmi? grazie

    Cristina77

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno Cristina 77, ne abbiamo preso nota! Ciao! :)

      Elimina